Smeralda, una storia d’amore

Una spolverata sulla pasta. Et voilà! Il gioco è fatto. Un gesto semplice in grado di regalare istanti di pura felicità. La bottarga, si sa, se la conosci ti conquista.

Accende di sapore, scalda il cuore e porta la mente lontano dai pensieri. È come trovarsi in una dimensione sospesa, lontana dai ritmi incalzanti della quotidianità. Dove ci sei tu con il tuo piatto speciale.

Se il tempo non è molto, che importa! Con la bottarga, avrai trasformato ciò che è normale in qualcosa di eccezionale. Regalandoti una coccola indimenticabile.
E forse sentirai che dietro a quella bottarga ci siamo noi. Con il nostro amore nel prepararla. Come si usava una volta. Perché proteggere la tradizione è un impegno che sentiamo profondamente. È permettere che i sapori che sanno di Sardegna, di memoria, di casa siano sempre vivi e riconoscibili. Per noi e per i nostri figli.

Un tempo la bottarga era il pasto dei pescatori nelle lunghe giornate trascorse per mare. Dopo la cattura del pesce, si estraevano e lavavano le uova. Poi venivano messe sotto sale e pressate per favorire l’eliminazione dei liquidi in eccesso. Si passava quindi all’asciugatura. La bottarga veniva delicatamente adagiata su scaffali in legno o apposite rastrelliere nei cortili tipici delle abitazioni sarde. Il soffio del maestrale e il clima umido proprio delle zone lagunari e degli stagni favorivano il procedimento che si completava con l’essiccazione.

Oggi la tradizione continua. Tutto il processo produttivo è svolto manualmente. Mani sapienti estraggono le uova, facendo attenzione a non romperle. Le lavano per eliminare ogni impurità e le ricoprono di sale marino massaggiandole con cura. Poi le fanno riposare per giorni in ambienti ventilati, a temperatura costante. In questo modo, grazie a un controllo continuo del grado di asciugatura ed essiccazione, la nostra bottarga mantiene la sua naturale forma, consistenza e colore.

Quell’inconfondibile giallo. Chiaro e ambrato. Testimone di qualità e freschezza. Suggello prezioso di una storia d’amore iniziata tanti anni fa, che non smette mai di emozionarci e di ricordarci quanto sia importante mettere in ogni cosa che produciamo un pezzo di cuore. Del resto, cosa sarebbe la vita senza amore?

Continuate a seguirci, qui e su Facebook…
Sono in arrivo grandi novità!

foto_1

Foto: Fabrizio Salce

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *