Fagottini di spigola, polpa di riccio e asparagi

Guardate che trionfo di colori. Fanno bene agli occhi e al cuore. Il sapore poi… Vi sorprenderà! Pronti? Eccola per voi…

Se vi piace sperimentare, questa è la ricetta ideale. Gli ingredienti di base sono semplici. Ciò che li rende spettacolari è il modo in cui vengono cucinatii e assemblati nel piatto. Con quel tocco da artista che fa la differenza.

Potrete prepararla per i momenti in compagnia e l’effetto sarà assicurato. I vostri commensali resteranno rapiti dalla sua bellezza. Sentiranno i profumi delle erbe aromatiche sprigionarsi dal piatto. E si perderanno nel sublime, assaggio dopo assaggio. Iniziando dalla nostra polpa di riccio.

Che unirete a spigole freschissime e asparagi selvatici. Vedrete che mix! Pensate poi alle patate vitelotte che, con la loro pasta viola, accenderanno il piatto…

Eccoci con la nostra ricetta che è stata preparata da  Jacopo Lenza, Chef del Bliss Caffé, ristorante caffetteria in via Paoli 13 a Cagliari.

FAGOTTINO DI SPIGOLA, POLPA DI RICCIO E ASPARAGI

Difficoltà: media.

Ingredienti per 4 persone:
4 spigole da 300g ciascuna,
polpa di riccio Smeralda q.b.,
600g di asparagi,
400g di patate vitelotte,
pomodorini q.b.,
erbette mediterranee,
basilico q.b.,
olio extravergine di oliva.

Preparazione:

Pulite e sfilettate le spigole. Massaggiate ogni filetto con l’olio e un trito di erbe aromatiche (maggiorana, timo, etc). Sovrapponete due filetti, per volta, ponendoli l’uno sull’altro leggermente sfalsati. Arrotolate fino a formare un fagottino. Inserite le girelle di spigola in stampi di alluminio.

Fate cuocere gli asparagi, in acqua salata bollente, per 5 minuti. Pelate le patate e, dopo averle lessate per 30 minuti, frullatele con olio extravergine di oliva.

Infornate gli stampini per 14 minuti in forno preriscaldato a 180 gradi. In ogni piatto formate un nido con gli asparagi al centro del quale sistemerete i fagottini. Su ogni fagottino, mettete la polpa di riccio. Finite il piatto con la mousse di patate, pomodirini e foglioline di basilico.

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *